< Indietro
  
Giancarlo Primo

BASKET

La difesa

G. Primo - BASKET LA DIFESA 
PRI07800


208 pagg. - 98 disegni didattici - 65 foto

Quando sul finire del 1891 il Prof. Naismith, insegnante al College dell'YMCA di Springfield nel Massachussets, "presentò" il nuovo gioco di squadra - basket negli Stati Uniti, pallacanestro in Italia - da lui ideato, le norme che lo regolamentavano erano tredici; poche ma essenziali. Queste norme, tuttavia, Naismith aveva corredato da note illustrative centrate sullo spirito del gioco (correttezza, intelligenza abbinata alla forza atletica) e sul suo contenuto agonistico. Naismith per il tema di come si doveva giocare diede la precedenza alla "difesa" e poi all'attacco, affermando, come il tempo ha da allora ad oggi dimostrato, che una squadra è forte e gioca bene se è forte in difesa. ed è vero, anche se per la mentalità corrente, almeno in taluni sport di squadra, quando si parla di difesa automaticamente si è portati a pensare al "non gioco". Se tanto si verifica in altre discipline, non si registra nel basket. La "difesa" non va presa alla lettera o all'insegna del motto del "prima non perdere". Tanto più che nella pallacanestro, in una squadra tecnicamente organizzata, la difesa impegna tutti i giocatori allo stesso modo in cui questi sono ugualmente impegnati in azione d'attacco. In difesa si neutralizza, o si tenta di neutralizzare, l'attacco avversario con la conquista della palla per poi "aprire" rovesciando la situazione. L'evoluzione costante del gioco - fattore importante perché sollecita la migliore tecnica rendendo il basket seòpre più spettacolare - ha portato ad assegnare alle "difese" un ruolo sempre più importante. Infatti è dalla difesa che prende avvio la manovra e sono i difensori gli uomini ai quali è affidata l'impostazione dell'azione, la sua regia. È per questo motivo che Giancarlo Primo, nel dare alle stampe la sua prima opera sulla pallacanestro, ha trattato della difesa. Che non si tratti di giocatori condizionati soltanto a sospingere la propria squadra in attacco, lo evidenzia il basket moderno che ha tra i suoi maggiori protagonisti non più soltanto il "pivot", il centro, l'uomo che molti ritengono debba soltanto segnare, ma bensì le "difese" che oggi hanno completato il loro bagaglio tecnico con il tiro. Sono quindi giocatori difensori-attacanti così come i secondi sono ugualmente difensori. La "difesa" pertanto è un tema corale che impegna tutta una squadra e cade in errore chi ritenga costituisca un coercitivo all'agilità della manovra. Al contrario la "difesa" accentua la pressione in attacco in perfetta corrispondenza allo spirito sul quale si basa il gioco del basket, proprio come il prof. Naismith aveva auspicato. Sottolineando il tema della difesa-attacco, Primo interpreta e vive pienamente lo spirito del gioco, così come era stato inteso dal suo ideatore.

     Aggiungere al carrelloCarrelloAggiungi a preferiti

 

ShopFactory (TM). Click Here.